top of page
VG- SOLUZIONE ASTE si propone come partner qualificato per affiancare i professionisti nominati nelle procedure liquidatorie di ogni specie (esecuzioni immobiliari, fallimenti, concordati, procedure di sovraindebitamento, ecc.).  Collabora con i professionisti delegati nelle procedure di natura liquidatoria a livello nazionale. Si propone altresì come partner affidabile per enti e privati che vogliano vendere immobili e non solo in modo dinamico e sicuro.

Art. 257  

Liquidazione giudiziale della società e dei soci

1. Nei casi previsti dall’articolo 256, il tribunale nomina, sia per la liquidazione giudiziale della società, sia per quella nei confronti dei soci, un solo giudice delegato e un solo curatore, pur rimanendo distinte le diverse procedure. Possono essere nominati più comitati dei creditori. Il curatore ha diritto ad un solo compenso.

2. Il patrimonio della società e quello dei singoli soci sono tenuti distinti.

3. Il credito dichiarato dai creditori sociali nella liquidazione giudiziale della società si intende dichiarato per l’intero e con il medesimo eventuale privilegio generale anche nella liquidazione giudiziale aperta nei confronti dei singoli soci. Il creditore sociale ha diritto di partecipare a tutte le ripartizioni fino all’integrale pagamento, salvo il regresso fra le procedure di liquidazione nei confronti dei soci per la parte pagata in più della quota rispettiva.

4. I creditori particolari partecipano soltanto alla liquidazione giudiziale nei confronti dei soci loro debitori.

5. Ciascun creditore può contestare i crediti dei creditori con i quali si trova in concorso.

6. Il curatore della liquidazione giudiziale della società può esercitare l’azione sociale di responsabilità nei confronti del socio amministratore anche se nei suoi confronti non è stata aperta la procedura di liquidazione giudiziale.

La disposizione di cui all’articolo illustrato riproduce il testo dell’art. 148 l.fall., con tre importanti novità. In primo luogo, la norma dispone che il credito dichiarato dai creditori sociali nella liquidazione giudiziale della società si intende ammesso (e non più semplicemente “dichiarato”), per l’intero e con il medesimo privilegio generale, anche nella liquidazione giudiziale aperta o estesa nei confronti dei singoli soci, e sempre che questi ultimi rispondano delle relative obbligazioni, con la conseguente necessità, in difetto (come, ad es., nel caso della liquidazione giudiziale del socio receduto o escluso), dell’esplicita esclusione di tale effetto estensivo dallo stato passivo della procedura. In secondo luogo, si prevede che, in caso di liquidazione giudiziale della società e dei soci, il curatore ha diritto ad un solo compenso. Infine, in attuazione di uno specifico criterio direttivo della legge delega (art. 7, comma 5, lettera c), della legge n. 155 del 2017), l’ultimo comma prevede che, in caso di liquidazione giudiziale della società con soci illimitatamente responsabili, il curatore può promuovere l’azione sociale di responsabilità nei confronti di quelli che hanno amministrato la società ma che, per la cessazione della responsabilità illimitata da oltre un anno o per qualsiasi altro motivo, non siano stati personalmente assoggettati alla procedura di liquidazione giudiziale. 

FALLIMENTO

PRIME VERIFICHE

Il Servizio vuole aiutare il Curatore nella raccolta delle prime informazioni riguardanti il soggetto fallito e mette a disposizione:

Visura camerale storica;

Nominativi dei legali rappresentanti in carica al. momento del fallimento e l’indicazione di eventuali cariche rivestite da questi soggetti in altre società o se gli stessi detengono quote in altre società;

Soci del soggetto fallito e se questi sono società, i soggetti che ne detengono il capitale sino ad arrivare all’apice della catena di controllo;

Copia dell’ultimo bilancio depositato presso il registro imprese;

Elenco degli atti depositati presso il registro imprese nei 5 anni anteriori al fallimento;

Dati identificativi di eventuali società partecipate dal soggetto fallito e i loro amministratori;

Indicazione della/e provincia/e in cui il soggetto fallito risulta detenere immobili;

Visura dei protesti del soggetto fallito.

bottom of page